San Godenzo e il Parco - Podere Cerreta Bed and Breakfast

Vai ai contenuti

Menu principale:

San Godenzo e il Parco

San Godenzo







San Godenzo nel Parco

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna si estende per circa 36500 ettari sui due lati dello spartiacque appenninico fra Romagna e Toscana e si suddivide tra le province di Forlì, Arezzo e Firenze (circa 4000 ettari). Un terzo dell'intero territorio del Comune di San Godenzo è ospitato in questo Parco. Si tratta di una parte in prevalenza montuosa e che si allunga attorno alla dorsale del crinale appenninico che raggiunge i 1658 metri con la vetta del monte Falco. Dominano i boschi e le cascate che danno la musica di sottofondo a un ambiente di eccezionale bellezza. Non solo la famosa cascata dell'Acquacheta celebrata dai versi danteschi ma anche i più semplici salti che l'acqua si trova a fare per superare gli strati di roccia che incontra nel suo viaggio quotidiano.


Opportunità per il territorio di San Godenzo nel Parco
Per il territorio del Comune di San Godenzo è stato un momento importante l'allestimento del Centro Visite nella frazione di Castagno d'Andrea, ai piedi del Monte Falterona. Il Centro è sorto in una vecchia casa forestale, rinata e riadattata per dare corpo all'esigenza di preservare la natura in cui vive la gente di questa montagna. Una ricchezza di cui spesso ci si dimentica nel tram tram quotidiano delle città. Il Centro Visite fornisce informazioni, distribuisce materiale illustrato e didattico. Al suo interno possiamo trovare fotografie, documenti, pannelli esplicativi, plastici, giochi didattici e interattivi che creano percorsi stimolanti. Qui si può avere un primo contatto con la realtà al di fuori del Centro, con tematiche proprie di queste zone come la raccolta dei marroni, i tempi delle rocce, la cultura materiale dei contadini e degli abitatati delle montagne. Poi occorrono solo un bel paio di scarpe da ginnastica per vedere tutto con i propri occhi.




 
Torna ai contenuti | Torna al menu